Autore Topic: Pensieri e poesie di altri utenti (archivio)  (Letto 3794 volte)

Descrizione:

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #15 il: Maggio 04, 2008, 19:18:52 pm »
jago
   
Labbra


Il dipinto ha preso forma nella mente mentre ti parlavo dei tuoi colori. Il dipinto mi parla di te, ti rappresenta e ti fotografa ad ogni click di una lampada stroboscopica. Tempo fa ho letto che non servono agenti esterni per un'esperienza visionaria. Basta una lampada stroboscopica per frenare il tempo ad ogni scatto. I grandi pittori, fotografi, pare non ragionino metodicamente, hanno visioni interne che estrapolano il soggettivo da ció che rimane oggettivo per gli altri.
Non metterti in posa, sdraiarti sulla schiena come in spiaggia al mare, solo cosé la tua pelle cambierá colore.
Puoi sorridere o guardarmi ambiguamente come un quadro, l'essenziale é seguirmi con gli occhi.
A volte incroceró il tuo sguardo perché lí risiede il tuo dolce sorriso, in altre, incrocerá le dita osservando con occhio scientifico come la pittura cola sulle tue forme.
Qual é la realtá. E' di realtá diverse racchiuse in uno sguardo estraneo di cui ti parlo.
Sei come sei e ti vedi o sei nella mia vista, nella percezione della mia visione. E se le realtá non coincidessero, quale visione sarebbe piú attraente per te?
Verde e azzurro in abbondanza costituiranno la base su cui scorrerá libera la tua bellezza. Li stendo e mescolo in un'illusoria casualitá.
Nero bianco rosso gli altri colori a disposizione.

Dal collo in giú, un fresco pascolo verde muta il colore della tua pelle, mentre l'azzurro, l'azzurro veste le spalle con una mantella annodata un pó sopra i seni. Le lunghe pieghe e trasparenze scorreranno sciattamente fino alle ginocchia.
Il tempo che non passa mai non dará fastidio, il fare insieme creerá equilibrio e cammineremo nientemeno che su un filo di una lama affilata. Tante parole cerchieranno la testa come un Santo in bilico tra crimini e misfatti, ma non le pronuncerai mai quelle parole, le trasmetterai con il corpo e la forma prenderá il dipinto.
Dall'emozione, una goccia di lacrima cadrá sul verde prato come un sasso nello stagno diramando cerchi con epicentro il pube, scolorandolo.
Rosso bianco nero, mischio i colori e sboccia un fiore su cui la farfalla si appoggerá, perdendosi, nelle lunghe notti dalle mille ed un'ora smarrendo anche il computo dei giorni dentro i sogni in cui sei presente.
La realtá manda via i sogni, apro gli occhi e proseguo a dipingere quando un capogiro mi fa perdere l'equilibrio.
Una sottile linea nera, unendo i tuoi nei nel disegno divino di una ragnatela, riporta il dipinto alla forma e riprendo a colorare. Un ragno velenoso sale lungo il collo ma distratto dagli occhi brillanti di un teschio di morte che si fa bella sulla spalla, deflagra in una chiazza rossa compresso dal peso delle onde d'urto della lacrima. Onde che si ingentiliscono riprendono il moto noioso ma paziente racchiuso nelle conchiglie. Che sembra il mio respiro.
Il nitido bianco che cancella ogni lineamento del viso, viene opacizzato da una figura geometrica verde che risale il corpo intorno ad una guancia fino all'orecchio. Ti pettino velando con un ciuffo di capelli l'occhio sinistro e mescolo a parte il bianco al rosso.
Petali di rosa si adagiano sull'occhio destro truccato da geisha.
Getto via il pennello ed intingo la punta dell'indice nel rosso per ripassare scrupolosamente le mie labbra carnose.

Per baciarti, devo dipingerti le labbra...
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #16 il: Maggio 04, 2008, 19:21:37 pm »
pappapisciu
   
Un piccolissimo racconto..............


Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala  d'attesa di un grande aeroporto.
Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto tempo, decise di comprare un libro per ammazzare il tempo.
Compro' anche un pacchetto di biscotti.
Si sedette nella  sala VIP per stare piu tranquilla.
Accanto a lei c'era la sedia con i biscotti e dall'altro  lato un signore che stava leggendo il giornale.
Quando lei  comincio' a prendere il primo biscotto, anche l'uomo ne  prese uno, lei si senti' indignata
ma non disse nulla e continuo' a leggere il suo libro.
Tra se' penso' "Ma tu guarda! Se solo avessi un po piu' di coraggio gli avrei gia' dato un pugno..."
Cosi' ogni volta che lei prendeva un biscotto, l'uomo  accanto a lei, senza fare un minimo cenno ne
prendeva  uno anche lui.
Continuarono fino a che non rimase solo un biscotto e la donna penso':
"Ah!, adesso voglio proprio vedere cosa mi dice  quando saranno finiti tutti!!"
L'uomo prese l'ultimo biscotto e lo divise a meta'!
"Ah!, questo e' troppo" penso' e comincio' a  sbuffare indignata, si prese le sue cose, il libro, la sua
borsa e si  incammino' verso l'uscita della sala d'attesa.
Quando si senti' un po' meglio e la rabbia era passata, si sedette in una sedia lungo il corridoio per
non attirare troppo l'attenzione ed evitare altri dispiaceri.
Chiuse il libro e apri' la borsa per infilarlo dentro quando......  nell'aprire la borsa vide  che il pacchetto
di biscotti era ancora tutto intero  nel suo interno.
Senti' tanta vergogna e capi' solo allora che il pacchetto  di biscotti uguale al suo era di quell' uomo
seduto accanto a lei che pero' aveva diviso i suoi biscotti con lei senza  sentirsi indignato, nervoso o
superiore, al contrario di lei che aveva sbuffato e addirittura si sentiva ferita nell'orgoglio.

La morale:
Quante volte nella nostra vita mangeremo o avremo mangiato i biscotti di un altro senza saperlo?
Prima di arrivare ad  una conclusione affrettata e prima di pensare male delle persone, guarda
attentamente le cose, molto spesso non sono come sembrano!!!!

Esistono 5 cose nella vita che non si recuperano:
- Una pietra dopo averla lanciata
- Una parola dopo averla detta
- Un'opportunita' dopo averla persa
- Il tempo dopo esser passato
- L'amore per chi non lotta

Qualcuno una volta ha detto:
"Lavora come se non avessi bisogno dei soldi.
Ama come se nessuno ti abbia mai fatto soffrire.
Balla come se nessuno ti stesse guardando.
Canta come se nessuno ti stesse sentendo.
Vivi come se il Paradiso fosse sulla Terra."
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #17 il: Maggio 04, 2008, 19:23:18 pm »
cahlline

Sopraffino decantar d'una follia.


Acuisci la mia pena con le tue dita.
Fa sí che queste s'involino in complicati
amplessi,
in uno sfiorar sii platonico eppur
sii veritiero.

Non sono forse una sola nota
nella sinfonia della vita,
che con la sua tagliente ironia
mi percuote e morde?

Non ti fidar di me se il cor ti manca.
Poiché nelle spire del tempo persi
ció che all'albore della vita,
rinominarono pieta.

Io,che della luna porto nome
e vestigi,Sua erede e figlia.
Sol io degna d'esser tale.

Labile miraggio plasmami,
come l'onda del mare in tempesta
modella
La dorata sabbia,in continuo ciclo.
che mai muterá il suo corso.

Non seguo l'ombre,
Non seguo la luce.
Di tutti e di nessuno,sfuggevole essenza
Che passa fra le dita come
nettare,
lasciando sol quel caratteristico profumar
mellifluo.Sol rimembranza.

Folle pittore delinea il mio volto
sulla tua tela,
il vero volto ch'io posseggo,
che solo tu,nella tua pazzia,
Riesci a scorgere.

Quella notte dal cielo scivoló una stella,
correndo sulla superficie della luna,
per poi dissolversi entro l'infinito.
Me.

Dotto conoscitore delle arti,
decantami entro i tuoi archivi,
poichè entro di me il sapere vaga,
piú di quanto tu stesso non possa immaginare.

Un sorriso.Uno scambiarsi emozioni.
Senza parlare.Shhht!
Tutto silenziosamente,
poiché il tacere ,nella sua interezza,
vale piú di mille parole.

E tu, che com'ultimo godi della più fervida
attenzione,
Amami.
come sol tu potrai mai fare,
poichè solo a te é stato concesso
l'enorme privilegio di conoscermi.

    
Un contatto fugace.

Amo nella tristezza d'un tramonto
Quei passi che distorti s'allontanano da me.
Li sento, odo il loro ticchettare come se fossero spine
Spine che m'abbracciano.

Esse sussurrano "Senti il calore del tuo sangue che viene versato
Per noi?"

Lento lo sento,il dolore,
eppure cosé dolce mi risulta il sapore.

Lotto con l'ostinazione d'un mare in tempesta;
Anch'egli sa che non puó divenir tutt'uno con la terra,
eppure batte sugli scogli,lasciando che una parte di sé,
seppur minima,venga inghiottita dalla sabbia,sua antitesi.

E se le lacrime righeranno il mio viso,
 su di esso nascerá un sorriso.

Muri.Muri su muri,
s'avvinghiano, s'attaccano,senza lasciarmi passare.
Scavalcarli,direte voi?
Alti come il cielo stesso!
Trapassarli,allora?
Spessi come la coltre che giace tra me e lui.
Non vedo sforzo, non vedo una luce.
Cosé ,truce,
m'avvolgo di pazienza.

Contatto fugace, oblio che non tace,
Quando rincorro con gioia ansimante
La possibilitá di averlo vicino
Ancora un istante..

    
Se t'amassi

Se t'amassi anche solo col cuore,
mai qualcun altro riuscirebbe ad eguagliarne
la possanza.
Anche se t'amassi sol con le mani,
Mai carezza risulterebbe piú soave e dolce,
vita.
Seppur t'amassi sol col pensiero,
mai pensiero al mondo risulterebbe piú grande.
Eppur io t'amo con tutta me stessa,
e mai, amore, vi fu piú immensa gioia.

   
Ció che provo per te


Ha un sapore di carta e ricordi
Ció che provo per te.
Percuote,taglia e morde
Ogni altro sentimento,
rendendolo banale,
sbiadendolo.

Ha un odore di pesche e miele
Ció che provo per te.
Profuma,carezza e lambisce
Pelle e ferite,
curandole,
lenendole.

Ha la forma d'un cuore,
ció che provo per te.
Non é retorico,
non é stupido.

E' amore, ció che provo per te.

    
Il Vestito Rosa


Vidi una ragazzina seduta tutta sola nel parco. Tutti le passavano vicino
e non si fermavano per scoprire perché sembrasse cosé triste. Indossava un
vestito rosa logoro, scalza e sporca, sedeva e guardava la gente passare.
Non provava mai a parlare. Non diceva una parola. Molti le passavano vicino,
ma nessuno si fermava. Il giorno dopo decisi di tornare al parco per curiositá
per vedere se la ragazzina stava ancora l'á. Sí era lá proprio nello stesso posto
dov'era il giorno prima, e ancora con lo stesso sguardo triste negli occhi.
Quel giorno ero decisa a fare qualcosa ed avvicinarmi alla ragazzina. Che,
come tutti sappiamo, un parco pieno di gente strana non é il posto giusto dove
dei bambini possano giocare soli. Nell'avvicinarmi notai la parte posteriore del
vestito della ragazzina. Aveva una forma grottesca. M'immaginai che fosse quella
la ragione per cui la gente passava e non faceva lo sforzo di parlare con lei.
Le deformitá sono un colpo basso nella nostra societá e il cielo vieta di fare
un passo verso di esse e assistere qualcuno che é diverso.
Avvicinandomi ancora, la ragazza abbassó appena gli occhi per evitare il mio sguardo.
Da vicino potei vedere piú chiaramente la forma della sua schiena. Aveva la forma
orribile di una gobba esagerata.
Sorrisi per farle capire che era tutto ok; ero lá per aiutarla, per parlare.
Mi sedetti accanto a lei e esordii con un semplice "ciao".
La ragazzina sembró colpita, e balbettó un "salve" dopo avermi a lungo fissato negli
occhi. Sorrisi e anche lei sorrise timidamente. Parlammo finché venne sera, e il parco
fu completamente vuoto. Chiesi alla ragazza perché fosse cosí triste.
Lei mi guard?‚ e con tristezza disse "perché sono diversa".
Immediatamente risposi "lo sei!"; e sorrisi.
La ragazzina sembró ancora piú triste e disse "lo so".
"cara," dissi, "mi sembri un angelo, dolce ed innocente".
Mi guardó e sorrise, poi si alzó in piedi lentamente e disse "davvero?"
"sí sei come un piccolo angelo custode mandato a prenderti cura della gente che passa".
Annuí con la testa, e sorrise.
Cosé facendo aprí la parte posteriore del suo vestito rosa e lasció uscire le sue ali.
Poi disse "lo sono". "sono il tuo angelo custode" con un luccichio negli occhi.
Rimasi senza parole - di certo stavo avendo un'allucinazione.
Disse "per una volta hai pensato a qualcuno oltre a te stessa. Il mio lavoro qui é finito."
Mi alzai in piedi e dissi "aspetta, perché nessuno si é fermato per aiutare un angelo?"
Mi guardó sorrise, e disse "sei l'unica che possa vedermi" e poi se ne andó

« Ultima modifica: Maggio 04, 2008, 21:36:22 pm da luna »
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #18 il: Maggio 04, 2008, 19:35:34 pm »
orsoforte
   
per principessa


nell'ombra silenziosa della notte
accarezzo col mio sguardo
il profilo del tuo corpo accanto al mio
e guardo il tuo petto sollevarsi
nel respiro quieto del tuo sonno
quanta tenerezza amore mio
mi trasmetti senza sapere
allungo la mano per
sfiorare i tuoi capelli
e tu con un sospiro ti
stringi a me....
passano le ore ma
continuo a guardarti
meravigliato di tanto amore....
spunta l'alba ecco...
ed il mondo esce
ad uccidere i sogni

    
nei tuoi occhi

starei ore a perdermi
nel tuo sguardo
gli occhi tuoi
risplendono sempre
tra le piccole rughe
che gli anni hanno portato
ma la forza della
tua vita non é mai sparita
ed insieme
abbia camminato
a lungo
ora al tramonto
seduti vicini
le mani nelle mani
mi ritrovo
a sentirmi piú giovane
ed il sangue scorre
veloce seguendo
le tue frasi
sorridi, come sempre
ed io mi accorgo
che t'amo
quasi fosse la prima volta
sí t'amo.
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #19 il: Maggio 04, 2008, 19:37:23 pm »
pizza

Tacere é un arte

Parla solo quando devi dire qualcosa che vale piú del silenzio.
Esiste un momento per tacere, cosé come ne esiste uno per parlare.
Il momento di tacere deve venire  sempre prima. Quando si sará imparato a mantenere il silenzio, si potró parlare rettamente.
Tacere quando si é obbligati a parlare é segno di debolezza, ma parlare quando si  dovrebbe tacere indica leggerezza e scarsa discrezione.
E' sicuramente meno rischioso tacere che parlare.
L'uomo é padrone di sé solo quando tace: quando parla appartiene meno a se stesso che agli altri.
Quando devi dire una cosa importante, stai attento: dilla prima a te stesso, e poi ripetila, per non doverti pentire quando l'avrai detta.
Quando si deve tenere un segreto non si tace mai troppo.
Il silenzio del saggio vale  piú del ragionamento del filosofo.
Il silenzio puó‚ far le veci della saggezza per il povero di spirito.
Forse chi parla poco é un mediocre, ma chi parla troppo é uno stolto travolto dalla voglia di apparire.
L'uomo coraggioso parla poco e compie grandi imprese; l'uomo di buon senso parla poco e dice sempre cose ragionevoli.
Siate sempre molto prudenti; desiderare di dire una cosa é spesso motivo sufficiente per tacerla.
Il silenzio é necessario in molte occasioni; la sinceritá lo é sempre

Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #20 il: Maggio 04, 2008, 19:38:54 pm »

fama

    
poesia

  I segni sulla mia mano come piccole strade   
  silenziose,                                                                     
  il tempo lontano che l'acqua purifica,                                                                               
  i ricordi che il vento colora
  mi regalano i giorni che passano.
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #21 il: Maggio 04, 2008, 19:40:11 pm »
magolerio

AMICA

Amica,
Sublime parola racchiusa nel cuore,
Di poche lettere,
Ma di tanto significato;

Amica,
Grazie che esisti,
Se non ti avessi,
Non sarei piú lo stesso;

Amica,
La tua felicitá é anche la mia;
Per questo ti prego amica,
Sorridi sorridi e sorridi ancora;

Amica,
Non lo sai che il sorriso ti fa piú bella?
E poi fa sorridere anche me;
Davvero sai?!

Amica,
Condividi con me quest'esperienza,
Di affetto, di simpatia, di amicizia,
Perché ti possa sempre chiamare amica,
Mia unica, sincera, indimenticabile, cara amica.

                                           
Il volo dell'angioletto senza ali

Grande dolore grande rabbia vivo sgomento,
L'assurda tragedia accade in un sol momento;
Un angioletto di dodici anni spicca il volo,
Ma si rende conto di essere solo;

Poteva essere un volo tra i piú sensazionali,
Quando l'angioletto si accorge di non avere le ali;
Oltre un'ora di tentata rianimazione,
E poi nient'altro che la piú cupa disperazione;

Adesso vola lontano angioletto,
Vola verso un mondo,
Piú che mai perfetto;

In un mondo senza ipocrisia,
Dove regni solo l'amore,
Pieno di delicata poesia.
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #22 il: Maggio 04, 2008, 21:35:35 pm »
testardone
    

Arturo...

Un giorno, ero un ragazzino  delle superiori, vidi un ragazzo della mia classe  che stava tornando a casa da scuola.
Il suo nome era Arturo  e sembrava stesse portando tutti i suoi libri.
Dissi   tra me e me: perché mai uno dovrebbe portarsi a casa tutti i libri di venerdí?
Deve essere un ragazzo  strano.
Io avevo il mio week- end pianificato (feste  e una partita di pallone con i miei amici), cosí ho scrollato le spalle e mi sono  incamminato.
Mentre stavo camminando vidi  un gruppo di ragazzini che correvano incontro ad Arturo...
Gli arrivarono  addosso facendo cadere tutti i suoi libri e lo spinsero  facendolo cadere nel fango.
I suoi occhiali volarono via,  e li vidi cadere nell' erba un paio di metri  piú in lá.
Lui guardó in su e vidi una terribile tristezza  nei suoi occhi.
Mi rapí il cuore!
Cosí mi  incamminai verso di lui mentre stava cercando i suoi occhiali e vidi una lacrima nei suoi occhi.
Raccolsi gli occhiali e glieli diedi dicendogli: "quei   ragazzi sono proprio dei selvaggi, dovrebbero imparare a vivere."
Arturo mi guardó e disse:  "grazie!"
C'era un grosso sorriso sul suo viso, era   uno di quei sorrisi che  mostrano vera  gratitudine. Lo aiutai a raccogliere i libri e gli chiesi  dove viveva.
Scoprii che viveva vicino a me cosí gli chiesi come  mai non lo avessi mai visto prima, lui mi  spiegó che prima andava in una scuola privata.
Parlammo  per tutta la strada e io lo aiutai a portare alcuni libri. Mi sembr?‚ un ragazzo molto carino ed educato cosí gli chiesi se gli andava di giocare a calcio con i miei amici e  lui disse di si.
Stemmo in giro tutto il week end e piú lo  conoscevo piú Arturo mi piaceva cosí come  piaceva ai miei amici.
Arrivó il lunedí mattina  ed ecco Arturo con tutta la pila dei libri  ancora. Lo fermai e gli dissi: "ragazzo finirá  che ti costruirai dei muscoli incredibili con questa  pila di libri ogni giorno!"
Egli rise e mi diede metá dei libri.
Nei successivi  quattro anni io e Arturo diventammo amici per la pelle.
Una volta adolescenti cominciammo a pensare all'universitá, Arturo decise per Roma ed io per un altra cittá. Sapevo che saremmo sempre stati amici che la distanza non sarebbe stata un problema per  noi.
Arturo sarebbe diventato un dottore mentre io mi sarei occupato di cause e  litigi.
Arturo era il primo della nostra classe  e io l'ho sempre preso in giro per essere un  secchione. Arturo doveva preparare un discorso per il  diploma.
Io fui molto felice di non essere al suo posto  sul podio a parlare.
Il giorno dei diplomi, vidi Arturo, aveva  un ottimo aspetto.
Lui era uno di quei ragazzi che aveva  veramente trovato se stesso durante le  scuole superiori. Si era un p?‚ riempito nell'aspetto e stava  molto bene con gli occhiali.
Aveva qualcosa in piú e tutte  le ragazze lo amavano.
Ragazzi qualche volta ero un pó  geloso!
Oggi era uno di quei giorni, potevo vedere che era un pó  nervoso per il discorso che doveva fare, cosí gli diedi  una pacca sulla spalla e gli dissi: "giovane te  la caverai alla grande!"
Mi guardó con uno di quegli sguardi  (quelli pieni di gratitudine) sorrise e mi  disse: "grazie".
Inizi?‚ il suo discorso  schiarendosi la voce: "nel giorno del diploma si usa ringraziare  coloro che ci hanno aiutato a farcela in questi anni  duri. I genitori, gli insegnanti, ma piú di tutti i tuoi amici. Sono quá per dire a tutti voi che essere amico di  qualcuno é il piú bel regalo che voi potete  fare. Voglio raccontarvi una storia:  "Guardai il  mio amico Arturo incredulo non appena cominció a raccontare il giorno del nostro incontro. Lui aveva  pianificato di suicidarsi durante il week end. Egli raccontó di  come aveva pulito il suo armadietto a scuola, cosí che  la madre non avesse dovuto farlo dopo, e di come si stesse  portando a casa tutte le sue cose.
Arturo mi  guardó intensamente e fece un piccolo sorriso. "Ringraziando il  cielo fui salvato, il mio amico mi salvó dal fare quel terribile  gesto".
Udii un brusio tra la gente a queste  rivelazioni.
ll ragazzo piú popolare ci aveva appena raccontato  il suo momento piú debole.
Vidi  sua madre e suo padre che mi guardavano e mi sorridevano, lo stesso sorriso pieno di gratitudine.
Non avevo mai realizzato la  profonditá di quel sorriso fino a quel  momento.
Non sottovalutate mai il potere delle  vostre azioni. Con un piccolo gesto potete cambiare la vita di  una persona, in meglio o in peggio.
Dio fa incrociare le nostre vite perché ne possiamo  beneficiare in qualche modo.
Cercate il buono negli altri.



   
Speranza

La speranza altro non è che polvere.. un soffio.. un respiro.. basta un niente e svanisce.. sempre ci vuole speranza: ma perchè?.. perchè sperare quando c'è sofferenza?.. perchè illudersi di qualcosa che non c'è e mai ci sarà?.. sperare si.. anche quando il punto di arrivo è l'inferno.. sperare anche quando non c'è più speranza.. perchè sperare è utile.. è l'unica cosa buona che ci rimane.. perchè sperare, spesso, significa avere coraggio.. e incontrare la fortuna..
« Ultima modifica: Maggio 04, 2008, 21:45:50 pm da luna »
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #23 il: Maggio 04, 2008, 21:38:07 pm »
Umberto Saba

A mia moglie
 
Tu sei come una giovane
una bianca pollastra.
Le si arruffano al vento
le piume, il collo china
per bere, e in terra raspa;
ma, nell'andare, ha il lento
tuo passo di regina,
ed incede sull'erba
pettoruta e superba.
é migliore del maschio.
é come sono tutte
le femmine di tutti
i sereni animali
che avvicinano a Dio,
Cosí se l'occhio, se il giudizio mio
non m'inganna, fra queste hai le tue uguali,
e in nessun'altra donna.
Quando la sera assonna
le gallinelle,
mettono voci che ricordan quelle,
dolcissime, onde a volte dei tuoi mali
ti quereli, e non sai
che la tua voce ha la soave e triste
musica dei pollai.
 
Tu sei come una gravida
giovenca;
libera ancora e senza
gravezza, anzi festosa;
che, se la lisci, il collo
volge, ove tinge un rosa
tenero la tua carne.
se l'incontri e muggire
l'odi, tanto é quel suono
lamentoso, che l'erba
strappi, per farle un dono.
é cosí che il mio dono
t'offro quando sei triste.
 
Tu sei come una lunga
cagna, che sempre tanta
dolcezza ha negli occhi,
e ferocia nel cuore.
Ai tuoi piedi una santa
sembra, che d'un fervore
indomabile arda,
e cosí ti riguarda
come il suo Dio e Signore.
Quando in casa o per via
segue, a chi solo tenti
avvicinarsi, i denti
candidissimi scopre.
Ed il suo amore soffre
di gelosia.
 
Tu sei come la pavida
coniglia. Entro l'angusta
gabbia ritta al vederti
s'alza,
e verso te gli orecchi
alti protende e fermi;
che la crusca e i radicchi
tu le porti, di cui
priva in sé si rannicchia,
cerca gli angoli bui.
Chi potrebbe quel cibo
ritoglierle? chi il pelo
che si strappa di dosso,
per aggiungerlo al nido
dove poi partorire?
Chi mai farti soffrire?
 
Tu sei come la rondine
che torna in primavera.
Ma in autunno riparte;
e tu non hai quest'arte.
 
Tu questo hai della rondine:
le movenze leggere:
questo che a me, che mi sentiva ed era
vecchio, annunciavi un'altra primavera.
 
Tu sei come la provvida
formica. Di lei, quando
escono alla campagna,
parla al bimbo la nonna
che l'accompagna.
 
E cosí nella pecchia
ti ritrovo, ed in tutte
le femmine di tutti
i sereni animali
che avvicinano a Dio;
e in nessun'altra donna.
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #24 il: Maggio 04, 2008, 21:40:44 pm »
Frederik87

Tedio notturno

Nella quieta e silente notte,
tra le fioche luci e
le severe ombre,
vago ed erro lungo la via

Il mio pensier non é meno
a questo mio triste vagar,
senza metá ne motivo,
onde colmare il vuoto
dell'io affamato
e dubbioso.

Perché tanti affanni?
A quale scopo?
Esiste davvero un Sommo Fattore?
A quale scopo
se siamo comunque
immersi nella falsitá

E cosi s'ostina
il mio tedio
che triste percorrer
mi fece la via
e triste la via
mi fará risalire
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #25 il: Maggio 04, 2008, 21:41:31 pm »
stock
    

l'antica saggezza

Un professore di filosofia era in piedi davanti alla sua classe, prima della lezione, ed aveva davanti a se alcuni oggetti.
Quando la lezione comincio', senza proferire parola il professore prese un grosso vaso per la maionese, vuoto, e lo riempi con delle rocce di 5-6 cm di diametro.
Quindi egli chiese agli studenti se il vaso fosse pieno, ed essi annuirono. Allora il professore prese una scatola di sassolini, e li verso' nel vaso di maionese, scuotendolo appena. I sassolini, ovviamente, rotolarono negli spazi vuoti fra le rocce. Il professore quindi chiese ancora se il vaso ora fosse pieno, ed essi furono d'accordo.
Gli studenti cominciarono a ridere, quando il professore prese una scatola di sabbia e la verso' nel vaso. La sabbia riempi' ogni spazio vuoto. "Ora", disse il professore, "voglio che voi riconosciate che questa e' la vostra vita. Le rocce sono le cose importanti - la famiglia, il partner, la salute, i figli, gli amici.. - anche se ogni altra cosa dovesse mancare, e solo queste rimanere, la vostra vita sarebbe comunque piena. I sassolini sono le altre cose che contano, come il lavoro, la casa, l'auto. La sabbia rappresenta qualsiasi altra cosa, le piccole cose. Se voi riempite il vaso prima con la sabbia, non ci sara' piu' spazio per rocce e sassolini. Lo stesso e' per la vostra vita; se voi spendete tutto il vostro tempo ed energie per le piccole cose, non avrete mai spazio per le cose veramente importanti.
Stabilite le vostre priorita', il resto e' solo sabbia".

    
l'importanza di un abbraccio

"E mi domando xke nessuno mi abbia mai stretto cosi,
cosi forte ke nn potrei mai scivolare e cadere, ne adesso ne mai.
un abbraccio ke ci tenga ancorati alla vita, che c fa capire ke x qualcuno siamo tutto: casa, porto, orizzonte.
Un abbraccio in cui nascondersi e a cui aggrapparsi.
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #26 il: Maggio 04, 2008, 21:42:17 pm »
notebook

Il notturno..


il notturno e' quella persona che al mattino torna a casa con calma mentre tutti
vanno di corsa al lavoro..
e' quella persona che si mangia un bel panino a prima mattina mentre tutti
bevono il caffe'...
il notturno si prende a braccetto la luna ogni sera e gli fa compagnia fino
all'arrivo del sole...
il notturno si ferma sul crazyzone tutte le notti....
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #27 il: Maggio 04, 2008, 21:43:23 pm »
ostemus
    
NASSIRYA

Io,

che quel coraggio non l'ho mai avuto
piango di dolore,
Voi che ignari di un destino fatuo
siete nascosti dal tricolore.

Il cuore palpita
e intervalla lacrime e sangue.

Madre,
che piangi il figlio impavido
Grazie!!! al tuo ventre che l'ha partorito.

Moglie,
che non vedrai piú il tuo uomo
egli veglierá su di te!

Figlio,
egli ti guarderó fisso da lassú
ti ameró privo di voce per sussurrartelo,
ti guideró senza la mano ferma,
ti accarezzeró senza il caldo palmo della mano.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
Ai caduti di Nassirya
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
L'ho scritta il 18.XI.2003
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #28 il: Maggio 04, 2008, 21:44:36 pm »
axiel

 La lontananza di un momento.


Vederla in una foto, sentirla ogni tanto
tra una telefonata, un'email.
E' diventata un'abitudine,  io scrivo e scrivo lettere immense,
senza mai mandarle.
I nostri genitori ci hanno separato con la scusa di una dura realtá
e il tempo passa ,la neve scende
questo pallido sole sbircia ancora tra le foglie di quell'albero,
ricordi?
Gli anni volano e le distanze si allungano a ogni trasloco
ma abbiamo preparato tutto , ogni singolo secondo.
Guardo gli istanti che scoccano sul mio orologio
su quel treno, fissando sempre quel finestrino.
Il vento batte sul paesaggio in velocitá
i fiocchi bianchi oramai sono dappertutto
e l'aria é diventata pesante, gelida.
I continui ritardi , i pochi spiccioli e le tentazioni di prendere qualcosa di caldo
si susseguono.
Starai ancora aspettando in quella stazione, o forse no, forse sei ritornata a casa,
 credo.
E' passata l'una di notte e il treno é arrivato alla stazione
ma non ti vedo sulla banchina e io ,con un sorriso tagliato,  resto a pensare.
La velocitá diminuisce e i miei occhi si sono rassegnati a cercare la tua figura,
ma invece ci sei, appoggiata a una colonna
e il mio vuoto sparisce.
Le porte si aprono e io guardandoti, non só che dire,
 ma sono felice,anche tu lo sei, lo vedo.
Mi hai portato pure da mangiare
grazie.
Ma ora? La notte é lunga, dove andiamo?
Il vento gelido batte inesorabile e nella ricerca scorgiamo una capanna.
Il buio passa, trascorre tra quei ululati di vento e noi braccia tra le braccia, insieme.
La mattina si alza e un raggio ci sveglia affacciandosi dalla finestra davanti a noi
ma si é fatta ora di andare.
Le mie parole si sono fatte incomprensibili
ma tu hai capito, sei entrata bussando al mio cuore,
lasciando ai miei occhi l'abbaglio di quel momento
quell'istante che vide le tue labbra appoggiarsi alle mie
su quella panchina della ferrovia.
Le porte del treno si chiudono davanti a noi.
Ci rivedremo?
Credo di sí, spero di si, voglio che sia cosí.
Voglio solo...un sorriso
 

Offline luna

  • Vip
  • *
  • Post: 546
  • Karma: +152/-0
  • La magia di un sorriso
Re: Pensieri e poesie di altri utenti
« Risposta #29 il: Maggio 04, 2008, 21:47:23 pm »
erold

Per diletto,scrivo.........

Cosa penso? ció che scrivo....

Se fosse per noi possibile
una visione complessiva dell'infinito.
La nostra esistenza sarebbe come un riflesso di luce
che s'infrange nell'anima

Io e la luna

Mi fermai, la guardai,
ripresi il mio cammino.
Spingendomi piú vicino
si voltó quasi volesse salutarmi.
Una sensazione di distacco mi pervase,
in quel momento riuscii a capire.
Chiusi gli occhi,
vidi la mia ombra riflettere nella sua
ed era come attraversare un sogno nel sogno.
Mi addormentai nel sonno
risvegliandomi in compagnia delle stelle.

La vita volge al termine

La vita volge al termine,
la nostra esistenza ancora instabile.
La vita volge al termine
con distrazioni che ci accompagnano nel vortice del possedere.
La vita volge al termine,
in un orizzonte di nostalgie.
Voglio solo...un sorriso
 


Cliccate il BANNER sopra, sarete di grande Aiuto. GRAZIE !