Autore Topic: L'allarme del Fondo monetario internaz.: la longevitÓ mette a rischio il welfare  (Letto 634 volte)

Descrizione:

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ambarambacicicoco

L'allarme del Fondo monetario internazionale: la longevitÓ mette a rischio il welfare
I costi potrebbero aumentare del 50%

"I rischi connessi a un aumento dell'aspetattiva di vita sono molto alti: se entro il 2050 la vita media dovesse aumentare di 3 anni piu' delle stime attuali, aumenterebbero del 50 per cento i gia' elevati costi" per il sistema sociale. Lo scrive il Fondo Monetario Internazionale in uno dei capitoli del Global Financial Stability Report, appena diffuso.

Per affrontare il "rischio longevita'", sottolinea il Fondo, serve un approccio 'multiplo' che coinvolge direttamente i governi. In particolare il Fondo Monetario ipotizza una ridistribuzione dei costi fra i singoli, i gestori dei piani pensioni e le istituzioni pubbliche. In ogni caso, e' necessario una riforma che preveda l'aumento dell'eta' pensionabile a seconda dell'incremento dell'aspettativa di vita.

Per affrontare il "rischio longevita'", sottolinea il Fondo, serve un approccio 'multiplo' che coinvolge direttamente i governi. In particolare il Fondo Monetario ipotizza una ridistribuzione dei costi fra i singoli, i gestori dei piani pensioni e le istituzioni pubbliche. In ogni caso, e' necessario una riforma che preveda l'aumento dell'eta' pensionabile a seconda dell'incremento dell'aspettativa di vita.

Per affrontare il "rischio longevita'", sottolinea il Fondo, serve un approccio 'multiplo' che coinvolge direttamente i governi. In particolare il Fondo Monetario ipotizza una ridistribuzione dei costi fra i singoli, i gestori dei piani pensioni e le istituzioni pubbliche. In ogni caso, e' necessario una riforma che preveda l'aumento dell'eta' pensionabile a seconda dell'incremento dell'aspettativa di vita.

Mancano asset sicuri, i Governi puntino al debito sostenibile
"La crisi finanziaria mondiale e le preoccupazioni circa la sostenibilita' del debito sovrano in molte economie avanzate hanno dimostrato che non esistono piu' beni che possono essere considerati davvero al sicuro". Lo scrive il Fondo Monetario Internazionale in uno dei capitoli del Global Financial Stability Report, appena diffuso. Nel documento il Fondo invita "i governi che rischiano di perdere il loro status di asset sicuri a porsi su un percorso di debito sostenibile".

"Prima della crisi il concetto di sicurezza assoluta - implicito nei rating piu' alti delle agenzie - ha creato una falsa sensazione di protezione" aggiunge il Fondo nella sua analisi, sottolineando come "nell'Eurozona gli anni successivi alla creazione di una unione monetaria sono stati caratterizzati da una quasi perfetta convergenza dei rendimenti dei titoli di Stato" dei diversi paesi.

Una situazione, si legge nel rapporto, che "chiaramente non era giustificata alla luce dei differenti fondamentali dei diversi stati membri dell'Euro".

In termini pratici, il Fondo evidenzia la brusca riduzione di debito sovrano che puo' essere considerato 'sicuro' e che entro il 2016 potrebbe scendere di altri 9 mila miliardi di dollari, pari al 16 % del totale stimato. Il risultato e' che la carenza di questo tipo di asset ne aumentera' il prezzo, con conseguente aumento della volatilita'.

Un altro rischio e' legato alla mancanza di garanzie stabili e liquide che, se dovessero diventare troppo costose, costringerebbero i mercati ad accettare collaterali di livello piu' basso.

Fonte TelevideoRAI

L'intellettuale Ŕ uno che non capisce niente, per˛ con grande autoritÓ e competenza. (Leo Longanesi)
 

Offline Pecos

Allora ha davvero ragione Monti!!!

L'ho capito solo adesso!!!

Spingendo le persone a suicidarsi si salva l'economia, ecco cosa non capivo...

P.S.: che tristezza...
Vi veri universum vivus vici
 

Offline ridethesnake

  • Vice Amministratore
  • *
  • Post: 8665
  • Ringraziato: 4 volte
  • Karma: +476/-3
  • Quando aiuti qualcuno aiuti te stesso.
Ricordati che devi morire...  :circo:
Se do da mangiare ad un povero, mi dicono che sono un santo, ma se chiedo perchŔ quel povero Ŕ povero, mi dicono che sono un comunista!



Se non avete niente di meglio da fare andate a farlo da un'altra parte.
 

Offline Pecos

Grazie, mo me lo segno ;)
Vi veri universum vivus vici
 


Cliccate il BANNER sopra, sarete di grande Aiuto. GRAZIE !