Autore Topic: Giornata FAI di Primavera: sabato 26 e domenica 27 marzo 2011 in tutta Italia.  (Letto 1597 volte)

Descrizione:

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ambarambacicicoco

XIX Giornata Fai di Primavera : sabato 26 e domenica 27 marzo 2011 in tutta Italia.

Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica
Con il Patrocinio di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione Civile



Due giorni tra arte e architettura
In questo week end aperti 660 luoghi

di Federica Marino

Torna con la primavera l’iniziativa ormai classica del Fondo per l’Ambiente Italiano: il 26 e 27 marzo l’Italia si riscopre un po’ più bella nella diciannovesima edizione delle Giornate di Primavera.

Bellezza naturale o artistica, il Fai è impegnato dal 1975 a salvaguardare il patrimonio del nostro Paese: beni e siti donati o dati in concessione al Fondo dai proprietari vengono “adottati” e così tutelati. La prima donazione è del 1976: mille metri quadri a Panarea, nelle Eolie; tra le ultime, il Bosco di San Francesco di Assisi ma anche il negozio Olivetti di Piazza San Marco, a Venezia. Non solo conservazione, però, ma anche gestione e promozione del Bello d’Italia, attraverso iniziative ed eventi che culminano nelle Giornate di Primavera

Tanti luoghi diversi, dalla cascata all’industria, dal convento alla caserma, e ancora musei, archivi e biblioteche, interi borghi o palazzi: tutti in un modo o nell’altro parte dell’identità italiana. A partire dai “Centocinquanta luoghi per 150 anni” scelti dal Fai per festeggiare l’Unità d’Italia, siti e percorsi risorgimentali che si snodano lungo la Penisola per ritrovarne la storia e i personaggi. Diversi i punti di vista scelti: si va dalla casa in cui dormì Garibaldi (Palazzo Tancredi, Rotonda – Potenza) al reggiano Museo del Tricolore; a Savona si affaccia sul mare la Fortezza del Priamar, in cui fu recluso Giuseppe Mazzini, mentre il Piemonte riscopre i fasti di casa Savoia. Mostre, convegni e spettacoli a tema sono ospitati in sedi risorgimentali e a Montepulciano, nel Senese, si può partecipare a un trekking risorgimentale in città.

E poi tutti gli altri, per un totale di 660 “monumenti” in tutte le venti regioni italiane,: le misteriose catacombe napoletane di San Gennaro, con una basilica sotterranea, a Roma lo Studio di Luigi Pirandello, a Milano i trentamila metri quadrati del “Palazzo dei Frigoriferi Milanesi”, costruito nel 1899 come deposito alimentare e fabbrica del ghiaccio, a Isernia i resti di un accampamento paleolitico di 700.000 anni fa.

A Trani, nel Barese, è riaperta al culto ebraico la sinagoga Scolanova, una delle quattro presenti in città durante il Medioevo. Trasformato in chiesa con l’avvento degli Angioini, il tempio viene consacrato alla Vergine: un affresco bizantino raffigurante la Madonna dei martiri è visibile ancora oggi, dopo la riconversione in sinagoga.

Storia secolare anche per il complesso monumentale del Duomo di Sassari, un tempo chiesa romanica a tre navate, fu riedificato in stile gotico aragonese tra il 1480 e il 1520 circa, ampliato successivamente e infine, nella seconda metà del Seicento, dotato dell'imponente facciata barocca, singolarmente costruita come elemento architettonico a sé stante, per bilanciare lo slittamento della chiesa verso la valle.. Ad Agrigento c’è San Vito, monastero francescano cinquecentesco divenuto nel 1864 carcere, fino a quindici anni fa; in Trentino- Alto Adige si può tornare a visitare il mausoleo di Cesare Battisti sul Col Dos, a Trento, mentre a Ponte Gardena – Waidbruck (BZ) si torna al Medioevo con la Stube gotica di Castelforte-Trostburg, eretto nel dodicesimo secolo e per oltre 600 anni di proprietà della famiglia Wolkenstein.

Anche musei tra le mete, come quello dedicato all’apicoltura di montagna a Chantillon (Aosta), il Museo del brigantaggio aItri (Latina) e infine quello – mai aperto prima al pubblico- del Reggimento “Savoia Cavalleria” (3°), a Grosseto. Sulle tracce dell’industria a Ragusa, dove c’è la cava di calcare Gonfalone e nella Valle delle Cartiere a Toscolano Maderno (BS), polo cartario fin dal Quattrocento.Infine, a Milano, un luogo inconsueto:l’appartamento 105 del Grand Hotel et de Milan, dove Giuseppe Verdi visse dal 1872 fino alla sua morte nel 1901.



Per scoprire i luoghi aperti vicino a voi:

Giornata FAI di Primavera
« Ultima modifica: Marzo 25, 2011, 19:43:17 pm da ambarambacicicoco »

L'intellettuale è uno che non capisce niente, però con grande autorità e competenza. (Leo Longanesi)
 


Cliccate il BANNER sopra, sarete di grande Aiuto. GRAZIE !