Autore Topic: Zanzare addio con il pesce-killer che divora le larve...  (Letto 1272 volte)

Descrizione:

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline garfield

  • Heaven
  • *
  • Post: 3574
  • Karma: +366/-3
  • Una giornata senza un sorriso è una giornata persa
    • E-mail
Zanzare addio con il pesce-killer che divora le larve...
« il: Maggio 10, 2008, 14:55:21 pm »
Un pesciolino che vive nell'acqua stagnante, anche in contenitori deposti sul balcone, può diventare il peggior killer delle zanzare. Parola di Federcoopesca-Confcooperative che su questo pesciolino che si chiama Gambusia affinis ed è ghiotto di larve di zanzare sta impiantando una serie di allevamenti per lanciare un business che farà concorrenza allo spray insetticida, con il vantaggio inoltre di non lasciare nell'aria vapori nocivi.
Importato dal Nord America dal Mississippi nel 1922 per combattere la malaria nelle aree paludose del centro Italia oggi, dopo qualche decennio di oblio, la Gambusia è tornata in auge grazie a sperimentazioni condotte con successo dal Cnr per fronteggiare la crescente aggressività degli insetti. La Gambusia si riproduce con molta facilità, basta seminare esemplari adulti nel periodo invernale in piccoli stagni o canali di bonifica, dopo aver eliminato ogni possibile predatore. E' di piccole dimensioni, 2-3 centimetri, ed è molto resistente riuscendo a vivere anche in piccole pozze di acqua stagnante sia dolce che salmastra, con temperature da 3 a 30°C.
In Toscana, secondo il Cirspe, centro studi della Federcoopesca-Confcooperative, negli ultimi 5 anni sono state seminate da 2 a 4 milioni di unità, acquistate a sua volta da enti locali e consorzi di bonifica. Un efficace strumento di lotta biologica adottato già da qualche anno con successo nel Lazio, sia nei giardini di Farfa in provincia di Rieti, che nel Parco di Ninfa vicino a Latina.
In Italia sono presenti 60 specie di zanzare, 2 le più diffuse, la zanzara comune (Culex Pipiens) e la tigre (Aedes Albopictus) avvistata per la prima volta a Genova nel 1990; punge di giorno e di notte e ha larve resistenti che passano da una stagione all'altra sopportando piogge, siccità e sbalzi di temperatura di decine di gradi. Benvenga dunque la diffusione di questo metodo naturale, spiegano dal Cnr, perché i pesciolini divoratori di larve possono essere tenuti da chiunque, in casa, sul terrazzo o in giardino; hanno solo bisogno di contenitori - acquari, tinozze, vasche o piccoli bacini - con della terra sul fondo e qualche pianta; insomma acqua stagnante dove le zanzare non potranno fare a meno di depositare le uova e, una volta eliminate le larve, il problema, secondo il Cnr, si ridurrebbe dell'85%.

                                                               
 

chi lotta può perdere...
chi non lotta ha già perso...
 


Cliccate il BANNER sopra, sarete di grande Aiuto. GRAZIE !