Autore Topic: [Fai da te] La filettatura  (Letto 1233 volte)

Descrizione:

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline axiel

  • Vip
  • *
  • Post: 153
  • Karma: +4/-0
  • ++Il pazzo d'anime++
    • E-mail
[Fai da te] La filettatura
« il: Luglio 10, 2008, 14:57:10 pm »

Si chiama filettatura la sagomatura particolare di un elemento cilindrico o di un foro (madrevite) che consente l’accoppiamento per avvitamento di dadi, bulloni, viti da ferro ed altri elementi meccanici. La realizzazione del buco filettato che accoglierà la vite o il bullone viene definita maschiatura. Le grandezze che definiscono una filettatura sono: il passo: distanza tra due creste contigue del filetto (A); il diametro nominale: è la dimensione rilevabile con calibro sul filetto (B); diametro di foratura: è il diametro esistente tra due gole opposte del filetto (C); profondità del filetto: è la distanza tra una cresta ed una gola del filetto (D).

Esistono due tipi di filettatura: filettatura metrica (ISO): misura i passi ed i diametri in millimetri. Le viti ed i bulloni sono definiti da una M seguita da un numero che indica il diametro nominale della filettatura. Filettatura Withworth: i diametri ed i passi sono indicati in frazioni di pollice. La filettatura di un tondino o di un tubo si realizza con la “filiera”, attrezzo dotato di una dentatura affilata che viene innestato sull’elemento da filettare e quindi ruotato per mezzo di una girafiliere a leva. I denti (regolati al diametro opportuno) scavano la filettatura. Durante il lavoro si lubrifica frequentemente il filetto.

La filettatura di un foro si esegue con i filettatori “maschi”: si tratta di perni cilindrici con una lievissima conicità verso la punta ed una dentatura lungo il corpo. Per effettuare la filettatura occorrono tre maschi: lo sbozzatore, l’intermedio ed il finitore che sono identificabili in quanto recano il simbolo di uno, due o tre anelli sul gambo. Si usano i maschi numerati con la misura del foro da filettare. Si inserisce lo sbozzatore che si fa penetrare nel foro azionandolo con un levetta (giramaschi), poi si toglie, si inserisce l’intermedio, quindi il finitore. Tutte le operazioni vanno svolte eliminando il più possibile i trucioletti di metallo ed oliando il foro frequentemente.

You made a mess
For Christ sake, this rotten world
Shit out of luck
Go with my vision
Light up the fire
Right on the power
Weapon… I have it all
 

Offline garfield

  • Heaven
  • *
  • Post: 3574
  • Karma: +366/-3
  • Una giornata senza un sorriso è una giornata persa
    • E-mail
Re: [Fai da te] La filettatura
« Risposta #1 il: Luglio 11, 2008, 21:50:08 pm »
Citazione
Per effettuare la filettatura occorrono tre maschi: lo sbozzatore, l’intermedio ed il finitore che sono identificabili in quanto recano il simbolo di uno, due o tre anelli sul gambo. Si usano i maschi numerati con la misura del foro da filettare. Si inserisce lo sbozzatore che si fa penetrare nel foro azionandolo con un levetta (giramaschi), poi si toglie, si inserisce l’intermedio, quindi il finitore. Tutte le operazioni vanno svolte eliminando il più possibile i trucioletti di metallo ed oliando il foro frequentemente

una precisazione, oggi non sono più necessari i tre maschi ma uno solo che si chiama "maschio a passaggio unico"...
 

chi lotta può perdere...
chi non lotta ha già perso...
 


Cliccate il BANNER sopra, sarete di grande Aiuto. GRAZIE !