Autore Topic: Fiere - Sagre - Mostre - Eventi  (Letto 10079 volte)

Descrizione:

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #15 il: Maggio 18, 2012, 21:57:07 pm »
Sabato 19 la Notte dei Musei


clicca per ingrandire

Torna l’iniziativa per riscoprire l’arte in orari notturni. Musei ed aree archeologiche in tutto il Paese aprono le porte dalle 20 alle 2 del mattino


Metti una notte al museo. Un’occasione per riscoprire l’arte per tutti coloro che non riescono a farlo nei consueti orari di visita e per trascorrere una serata diversa. E’ la quarta edizione dell’iniziativa La Notte dei Musei, l’evento di respiro europeo che, dalle 20.00 di sabato 19 alle 2.00 di domenica apre gratuitamente le porte di musei ed aree archeologiche in tutto il Paese.

Per l'occasione, molti dei luoghi d'arte coinvolti arricchiranno la proposta organizzando eventi quali concerti, mostre tematiche e suggestivi percorsi guidati. L'elenco completo sul sito dei beni culturali. Disponibile inoltre l'app gratuita per smartphone iMiBAC top 40.

:pollicione:

                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #16 il: Giugno 23, 2012, 22:38:03 pm »

Musica in Festa

Il 21 giugno si celebra la Festa Europea della Musica, un evento dedicato al linguaggio universale della musica che quest'anno compie trent'anni.

Nel giorno del solstizio d’estate la musica in tutta Europa invade palcoscenici usuali e meno usuali, le strade, i vicoli, i cortili, le piazze e i luoghi d’arte, dalle biblioteche ai musei, alle aree archeologiche, per la ricorrenza della Festa della Musica, un evento nato in Francia esattamente trent’anni fa interamente dedicato alle esibizioni musicali e all’ascolto, che si svolge contemporaneamente a Barcellona come a Berlino, a Budapest, Bruxelles, Lisbona, Liverpool, Parigi, Praga, e in molte città d’Italia.

Associazioni, scuole, conservatori, musicisti amatoriali e professionisti per un giorno uniti in nome della musica, per sottolineare da un lato l’importanza di un’offerta culturale che sia più ampia possibile e insieme per esaltare la musica oltre ogni differenza di genere, dal jazz alla classica, passando per il rock e l’elettronica. Sono oltre 500 gli eventi previsti in calendario in Italia, a conferma di una tendenza che vede crescere la popolarità della manifestazione di anno in anno. Se nel 2006 erano stati poco più di 100 gli appuntamenti nello stivale, il numero ad oggi si è quintuplicato e nella scorsa edizione sono state registrate qualcosa come 7000 persone che hanno aderito alle varie iniziative.

Iniziative che è impossibile elencare interamente, ma di cui offriamo qualche flash. A Rivoli (TO) i concerti dell’Accademia nella Casa del Conte Verde propongono musiche di Mozart e Brahms. A Venaria Reale (TO), l’Accademia Montis Regalis organizza nei giardini della Reggia un concerto di musica barocca con musiche di Bach e Vivaldi. Palazzo Marino, a Milano, ospita la Civica Orchestra di Fiati con un concerto che spazierà da Bernstein a Mendelssohn e Morricone. A Modena le piazze, le strade, i cortili e gli angoli suggestivi del centro storico sono il palcoscenico per oltre trenta concerti, tra classica, rock, jazz e musica etnica, in cui artisti importanti si affiancano a giovani musicisti emergenti. La chiesa di Santa Maria Sopra Minerva a Roma è invece la cornice dello spettacolo curato dall’associazione musicale polifonica "Melos Ensemble", mentre a L’Aquila è in programma la musica elettronica di Angelina Yershova & Bio Electrc Band.

Atmosfere diverse in festa per la musica, a sottolineare la sua importanza come linguaggio universale capace di superare qualsiasi barriera.
Tutti gli eventi saranno ad ingresso gratuito,  :yes:
per consultare il programma completo delle esibizioni date un’occhiata al sito ufficiale http://www.festadellamusica-europea.it.

:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #17 il: Giugno 28, 2012, 22:10:14 pm »
Siena, il primo Festival del Vino Rosato


Degustazioni, abbinamenti, momenti di approfondimento, Mostra mercato tutto dedicato all'eccellenze in Rosa: appuntamento a Siena e a Venezia

E' in arrivo il primo festival dedicato alle eccellenze in rosa, che animerà prima Siena e poi Venezia con iniziative, degustazioni e percorsi enogastronomici per assaporare i buoni e pregiati vini rosati. Tutto questo è Bianco Rosso e Rosè, manifestazione enostronomica le cui eccellenze sono state selezionate durante il I° concorso nazionale dei Vini Rosati, tenutosi a Bari in Puglia ad aprile. L'evento che nasce da un'idea della Regione Puglia e dall'Accademia Nazionale della Vite e del Vino, promosso dalla Regione Puglia -Assessorato Risorse Agroalimentai in collaborazione con Enoteca Italiana, è stato presentato ieri 25 giugno a Bari. Due le tappe previste per Bianco Rosso e Rosè che si apriranno proprio durante lo svolgimento di due delle manifestazioni più importanti a livello internazionale: la prima a Siena nella sede di Enoteca Italiana durante il Palio (30 giugno- 3 luglio) l'evento turistico che attira ogni anno milioni di turisti e, la seconda, a Venezia (29 agosto – 8 settembre) in occasione del Festival del Cinema. Degustazioni, abbinamenti, momenti di approfondimento, Mostra mercato tutto dedicato ai vini in Rosa.

:wine:
 :ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #18 il: Luglio 20, 2012, 00:01:00 am »
Tiepolo Nero a Venezia

Il Museo del Settecento veneziano ospita dal 22 luglio la mostra "Tiepolo Nero. Opere grafiche e matrici incise"

A Venezia, nelle sale di Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento veneziano, dal 22 luglio al 15 ottobre 2012 è in programma la mostra “Tiepolo nero. Opera grafica e matrici incise”, curata da Lionello Puppi e Nicoletta Ossanna Cavadini.

Si tratta di un'importante occasione di approfondimento su dei materiali artistici ancora poco noti, eppure di assoluta rilevanza per lo studio della storia dell’arte: le matrici e le incisioni.

In particolare le prime, quelle in rame, tutte di proprietà della Fondazione Civici Musei di Venezia e oggetto di un accurato restauro da parte dell’Istituto Nazionale della Grafica, vengono ora messe tra loro a confronto per permettere di valutare la qualità altissima dei risultati raggiunti da Giovanni Battista Tiepolo, grande innovatore anche in questo genere, grazie alla sua appassionata ricerca di preziosi risultati tecnici e di rare abilità espressive.

Sulla straordinarietà delle matrici in rame di Tiepolo, l’esposizione presenta una selezione di esemplari, che si rivela la spiccata originalità di questa proposta scientifica, documentando al meglio la “grandissima forza immaginativa” del pittore veneziano.

La mostra nasce dalla fattiva collaborazione di tre istituzioni: il m.a.x. museo di Chiasso, l’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma e la Fondazione Musei Civici di Venezia.

“Tiepolo Nero. Opera grafica e matrici incise”
dal 22 luglio al 15 ottobre 2012
Ca’ Rezzonico Dorsoduro 3136,
30123 Venezia
Info 848082000
http://carezzonico.visitmuve.it/
info@fmcvenezia.it

:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #19 il: Luglio 25, 2012, 07:42:20 am »

A Napoli gli scatti di Kubrick

Il PAN - Palazzo delle Arti Napoli ospita fino al 9 settembre l'esposizione di 168 fotografie del grande regista, pubblicate dal Look Magazine

Il regista di “2001: Odissea nello Spazio” ha osato e segnato la storia del cinema. Ma prima di passare alla macchina da presa, il giovane Kubrick si dedicò per anni alla fotografia, quando 17enne iniziò a collaborare con la rivista americana Look.

E proprio gli scatti di Kubrick possono essere ammirati nel corso della mostra che chiuderà il 9 settembre al PAN di Napoli.

“Stanley Kubrick Fotografo”, organizzata in collaborazione con il Museum of the City of New York e i Musées Royaux des Beaux Artes de Belgique, presenta 168 scatti realizzati da Kubrick tra il 1945 e il 1950. Nelle immagini si racconta la New York di quegli anni, tra celebrità come l’attore Montgomery Clift e il boxeur Rocky Graziano, ma anche la città delle gente comune, dai lustrascarpe bambini agli artisti da Circo, fino ai più agiati studenti della Columbia University.

Se Stanley Kubrick non fosse diventato quel regista geniale che conosciamo, sarebbe stato sicuramente uno dei più grandi fotografi del dopoguerra. E la passione della fotografia è stato un patrimonio utilizzato fino all'ultimo, viste le ore dedicate a studiare le inquadrature di ogni scena dei suoi meravigliosi film.

Dalla rassegna emerge dunque, un interesse verso la narrazione di storie alimentato dal carattere narrativo della rivista Look, ma la fascinazione per la contraddizione e per i caratteri torbidi e in evoluzione è frutto di ciò che avrebbe fatto di Kubrick uno dei più importanti registi americani.


“Stanley Kubrick Fotografo”
fino al 9 settembre 2012
PAN - Palazzo delle Arti Napoli
Via dei Mille, Napoli
Dal lunedì al sabato 9,30 - 19,30. Domenica dalle 9,30 -14,30. Martedì chiuso.
Info 081 7958601 - www.palazzoartinapoli.net

:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #20 il: Agosto 31, 2012, 21:52:07 pm »

Sapore divino nella Val Tidone


Dal 2 al 23 settembre 2012 si brinda all’autunno con un festival di gusto per scoprire i sapori della valle più ad ovest della provincia di Piacenza.

Settembre è il mese della vendemmia, la stagione in cui, weekend dopo weekend, a tener compagnia al rientro delle vacanze estive, approfittando degli sgoccioli di sole conditi dal quella piacevole brezza che caratterizza il clima settembrino, interessanti occasioni per celebrare con tutti i sensi, in giro per lo stivale, il nettare degli dei tra vigne e cantine.

“Dio aveva fatto soltanto l'acqua, ma l'uomo ha fatto il vino” disse Victor Hugo, e questo capolavoro della terra allieta il cuore dell'uomo. I veri cultori del buon vino attendono con ansia l’arrivo del autunno per concedersi pause in compagnia del buon Bacco pronti a  degustare il meglio della produzione enologica italiana.

In Emilia Romagna, nella provincia di Piacenza, ecco la Val Tidone, attraversata dal Po e protetta da una rigogliosa vegetazione fra cui svettano imponenti castelli e fortificazioni. Proprio qui, a dare appuntamento, è il Valtidone Wine Fest che, giunto quest’anno alla terza edizione, propone degustazioni enogastronomiche di grande prestigio, delizie di una zona ricca di sapori per valorizzare adeguatamente le produzioni vitivinicole locali.

Dal 2 al 23 settembre 2012, per quattro domeniche, tutti gli appassionati e i semplici curiosi sono invitati non solo a prendere parte a momenti da consumare a tavola, tra degustazioni guidate e assaggi, ma ad abbandonarsi a intensi momenti all’insegna dell’ intrattenimento con spettacoli, incontri e approfondimenti culturali in cornici d’eccezione, deliziosi borghi della la Provincia di Piacenza dove concedersi un'immersione totale e inebriante nell'atmosfera sfumata di settembre.

Da Borgonovo, a Ziano passando per Nibbiano fino ad arrivare a Pianello, sono quattro  le realtà da scoprire e degustare, differenti bellezze il cui comune denominatore è il vino, mai lo stesso, ad alternare la scena varietà come l’Ortrugo e Chisöla, la Malvasia oltre a vini passiti o frizzanti.

Informazioni utili:
www.valtidonewinefest.it


:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #21 il: Agosto 31, 2012, 21:55:16 pm »

Sagra del peperone a Carmagnola


Dal 31 agosto al 9 settembre, a Carmagnola si svolge la sessantatreesima sagra del peperone

È un altro dei motivi per i quali dobbiamo ringraziare Cristoforo Colombo: senza di lui il Piemonte, orfano del peperone, non sarebbe stato lo stesso. Quest’ortaggio dai colori brillanti e dal gusto deciso infatti arrivò dall’America insieme al pomodoro e, come lui, fu utilizzato inizialmente solo per decorare le tavole, al pari di un fiore esotico. Quando poi qualcuno osò assaggiarlo, lo battezzò peperone dal latino piper, pepe. A Carmagnola invece arrivò agli inizi del Novecento, e in breve diventò un simbolo della cittadina. Oggi le tipologie riconosciute dal Consorzio dei produttori sono quattro, diverse per forma e colori: il Quadrato, il Corno di Bue, la Trottola e il Tumaticot.

Per imparare a riconoscerle e assaggiarle in tutte le loro versioni, niente di meglio che recarsi a Carmagnola dal 31 agosto al 9 settembre, in concomitanza con la sessantatreesima sagra del peperone: ci saranno concorsi per l’ortaggio più pesante nelle quattro tipologie riconosciute, concerti e spettacoli di cabaret, raduni vespistici e di auto e moto storiche, gare sportive, coraggiose degustazioni di bagna caöda su peperone e la tradizionale sfilata folcloristica del Re Povron e la Bela Povronera. È una buona occasione per scoprire il centro storico di Carmagnola, ricco di angoli interessanti: dal castello dei marchesi di Saluzzo, ora sede del municipio, alla Casa delle Meridiane, con una facciata interamente affrescata di scene mitologiche, dall’elegante sinagoga alla abbazia cistercense di Casanova, risalente al XII secolo. Apertura straordinaria sabato e domenica per i musei della città: segnaliamo in particolare l’Ecomuseo della canapa e il Museo Tipografico Rondani. Nel salone della chiesa di San Filippo saranno esposti i prodotti del Paniere della Provincia di Torino, con una speciale attenzione, domenica 2 settembre, agli altri carmagnolesi: il coniglio grigio, il salame di Giora, il liquore Alpestre, il formaggio da fieno e il porro lungo dolce. Il peperone non è prepotente.

Per informazioni e programma completo:
 http://www.comune.carmagnola.to.it   


:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #22 il: Settembre 18, 2012, 21:57:04 pm »

Taste of Roma
dal 20 al 23 settembre 2012
Auditorium Parco della Musica

Delizia del palato... celebra il gusto con noi, vieni a Taste of Roma

Una festa di 4 giorni che celebra la ristorazione romana d'eccellenza:
12 ristoranti, 20 chef tra i migliori d'Italia, show-cooking, corsi di cucina e wine bar con le migliori etichette internazionali proposte da Trimani e i pregiati Champagne Perrier-Jouët

per informazioni e ingressi vai su:

www.tasteofroma.it

:ciao:
                                  
 

Offline ambarambacicicoco

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #23 il: Ottobre 28, 2012, 19:04:40 pm »
Le immagini della fantasia per leggere il reale
Nel paese delle fiabe la trentesima edizione


di Federica Marino
(marino@rai.it)






Trent’anni che valgono doppio: quelli che festeggia la Mostra internazionale dell’illustrazione per l’infanzia di Sàrmede.

Il  “paese delle fiabe” continua nel suo percorso consolidato e propone per  l’edizione numero trenta un calendario ricchissimo e multifocale, come  l’universo da cui prendono forma le illustrazioni offerte anche  quest’anno allo studio e all’ammirazione degli estimatori. Didattica e  sperimentazione, illustrazione e lettura, giochi e fiabe animate sono  ancora una volta la chiave per entrare nel laboratorio incantato di  Sàrmede, ormai punto di riferimento internazionale per gli illustratori. 

Il valore doppio viene dal grande numero degli ospiti presenti:  nella sola sezione Panorama, sono sessanta (30x2 è il filo conduttore  di questa edizione della Mostra), a sottolineare l’importanza  dell’appuntamento 2012. Oltre cento in tutto gli illustratori che  partecipano con più di trecentocinquanta tavole.

In un’occasione  tanto ricca di significato non manca l’omaggio a chi nel 1983 ha saputo  reinventare Sàrmede, dandole nuova vita e colori e trasformandola in un  laboratorio incantato: apre nel Palazzo municipale il Museo Štěpán  Zavřel, con ottanta opere dell’artista boemo e le tavole realizzate da  allievi della Scuola per tre libri. Lo stesso Municipio è un’opera  d’arte: nel corso degli anni Zavřel e poi i suoi allievi ne hanno  illustrato i muri, come quelli delle case del paese, ormai “mostra  permanente” di se stesso.



La  Mostra, che è il momento conclusivo e culminante delle attività svolte  lungo tutto l’anno dalla Scuola di illustrazione, presenta i lavori  degli allievi insieme a quelli dei maestri, sotto forma di  esposizione-libro. Alcune delle tavole immaginate dagli artisti per le  fiabe russe ed esposte nella Casa della Fantasia sono infatti confluite  nel libro che è ormai un appuntamento fisso della Mostra. Non bisogna  dimenticare il continuo dialogo tra immagine e testo che è alla base di  ogni libro illustrato: parole e tratti costruiscono insieme nuovi sensi  mediati dall’artista e poi dal lettore attraverso le pagine che sfoglia. 

La fantasia come strumento per leggere il reale, il libro come  una porta magica per capire e capirsi: operazione complessa e  mirabilmente realizzata dall’ospite d’onore della Mostra, Roberto  Innocenti. Illustratore italiano fra i più noti a livello  internazionale, nelle sue tavole reinventa fiabe classiche – da  Cenerentola al dickensiano Canto di Natale e orchestra opere originali  come Rosa Bianca o la più recente Casa del Tempo, con Roberto Piumini.  Nei suoi disegni – tratto realistico e preciso, epoche straniate e  spiazzanti ma mai incongruenti – c’è una riflessione costante su storia,  tempo e permanenza. Lo sfasamento temporale in cui la narrazione viene  situata – Cenerentola vive nel Novecento e la Casa nel Tempo rimane  uguale mentre intorno tutto muta e passa - serve a sottolineare quello  che dura, il nucleo profondo del reale che non viene scalfito dal flusso  del tempo. Anche quando, come in Rosa Bianca, epoca e storia coincidono  – siamo nella Germania nazista - il tempo sembra sospeso: troppo  disumani gli avvenimenti per gli occhi di una bambina, che svanisce nel  bosco e si allontana da una realtà così cattiva che non può essere detta  (disegnata, raccontata, accolta).

E la storia continua, nel  mondo, nei libri, nella fantasia di chi, guardando le immagini, ne  immagina altre e costruisce nuovi mondi possibili.

Le immagini della fantasia 30
Sarmede (Treviso), Casa della fantasia
Dal 28 ottobre al 23 dicembre 2012 e dal 5 al 20 gennaio 2013


Fonte TelevideoRAI




L'intellettuale è uno che non capisce niente, però con grande autorità e competenza. (Leo Longanesi)
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #24 il: Novembre 06, 2012, 15:05:20 pm »

A Milano il Salone del giocattolo

Dal 16 al 18 novembre 10 mila metri quadri di giochi per divertirsi e imparare. Ingresso gratuito

Torna a MIlano “G! come Giocare”, rassegna organizzata dal Salone Internazionale del Giocattolo con il supporto di Assogiocattoli.


Da venerdì 16 a domenica 18 novembre, presso il Padiglione 3 di Fieramilanocity, si svolgerà la quinta edizione dell’ormai attesissimo appuntamento gratuito dedicato al mondo dei bambini, con tanti giochi, iniziative a carattere formativo e servizi per l’intera famiglia.

Le più importanti aziende del settore si mettono a disposizione di tutti coloro che vogliono provare le novità del prossimo Natale con animazioni e iniziative speciali. E siccome giocando si impara, ci saranno anche aree dedicate al riciclo ecologico, alla sicurezza del giocattolo, all’educazione stradale e alla difesa della vista. Inoltre la possibilità di passare un’intera giornata con i figuranti ufficiali di Star Wars .

L’esposizione 

Oltre 10.000 metri quadri saranno letteralmente ricoperti da una distesa infinita di giocattoli di ogni genere, messi a disposizione dai più importanti produttori, italiani e internazionali, e con cui i bambini, ma anche i grandi, potranno giocare senza sosta, sviluppando la loro creatività e imparando il valore del gioco con gli amici. Tra i numerosi stand si troveranno i giochi più disparati, dai più classici ai più moderni, tutti nuovi e appassionanti. Ci saranno anche spazi dedicati al modellismo, per offrire l’opportunità di provare con mano elicotteri, macchine e modelli radiocomandati. In alternativa, perché non sedersi di fronte allo schermo per sfidare gli amici ai videogames più divertenti e educativi? Tra un gioco e un altro, non mancheranno proposte alternative e tutte in grado di suscitare l’attenzione dei visitatori.

Giocando s’impara! 

Basti pensare, per esempio, all’area dedicata ai libri, in cui i bimbi, in compagnia dei loro coetanei, degli insegnanti e dei genitori, potranno immergersi in mondi fantastici, sognando castelli, mostri o isole deserte. Ma non è tutto. G!come Giocare dedicherà grande attenzione a un tema oggi molto dibattuto: l’alimentazione. I i più piccoli saranno coinvolti sul tema di una dieta sana, basata sulla scelta di pasti bilanciati, su cibi genuini e su tanta frutta e verdura, grazie all’evento Mangiando s’impara che cercherà di insegnare ciò che è più giusto mangiare, oltre a fornire un dettaglio su sapori, colori, provenienza e consistenza delle materie prime. 

Inoltre, uno spazio del padiglione sarà occupato da Ghisalandia, iniziativa di educazione civica sviluppata con la Polizia Locale di Milano che permette ai bambini di avere a disposizione una pista con segnaletica stradale dove ricevere importanti consigli e insegnamenti su come comportarsi sulla strada.

E mentre i più piccoli si scatenano con i loro giochi e passatempi preferiti, i genitori potranno vistare gli stand dedicati alla puericultura con un vasto assortimento di prodotti per la prima infanzia. Sarà, infatti, disponibile un’ampia gamma di articoli sia della cosiddetta “puericultura leggera”, come giocattoli per i primi mesi, prodotti alimentari, sanitari e articoli per il bagno, sia della “puericultura pesante”, come, ad esempio, carrozzine e passeggini. a giornata di apertura, venerdì 16, sarà dedicata anche alle scuole: alla manifestazione sono state invitate classi provenienti da tutto il Nord Italia per trascorrere, alunni e insegnati insieme, una giornata un po’ diversa all’insegna del divertimento, ma anche dell’apprendimento

La casa per Giocare 

Uno spazio di 120 metri quadri e un allestimento interamente realizzato in cartone ospiterà appuntamenti, laboratori, momenti di comunicazione da parte di aziende e numerose attività ludiche. Il tema di quest’anno è costituito dalle quattro “R”, ossia Recupero, Riuso, Riciclo e Risparmio, con l’obiettivo far comprendere a bambini e famiglie l’importanza del riutilizzo, che fa bene all’ambiente e anche alle nostre tasche. Ci saranno quindi giochi dedicati alla raccolta dei materiali e altre attività di apprendimento organizzate in collaborazione con i numerosi partner, tra cui Amsa, Comieco, Rilegno, ReMedia, Lotti Importex, Designer Rompiscatole e Design for All. 

Giochiamo agli Jedi!

Novità di questa edizione la presenza di un’intera area tematizzata Star Wars gestita da Rebel Legion e 501st Legion, i due gruppi internazionali di costuming Star Wars ufficializzati direttamente da Lucasfilm LTD. Ogni giorno il gruppo di figuranti sfilerà tra gli stand organizzando un vero e proprio corteo che tutti potranno seguire per arrivare alla Jedi Academy, ossia l’arena in cui tutti i giovani visitatori potranno imparare a combattere con spade laser sotto la guida attenta di veri maestri Jedi, colpire i cattivi con palline di gomma e farsi fotografare con gli eroe preferiti.

G come Gioco responsabile 

Il gioco e più in generale tutto quanto attiene ai bambini richiede anche grande informazione e responsabilità. Sarà presente l’Istituto Sicurezza dei Giocattoli, che potrà divulgare le informazioni più aggiornate, e il Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione Generale Lotta alla Contraffazione. Inoltre quest’anno, allo stand di Assogiocattoli, ci sarà l’Associazione Psicologi della Lombardia che con i propri esperti risponderà a dubbi e domande di grandi e piccini: un’iniziativa voluta dagli organizzatori di G!come Giocare per essere sempre più vicini al mondo delle famiglie e alle sue esigenze. 

 

Ulteriori informazioni e aggiornamenti sulla manifestazione sono disponibili sul sito www.gcomegiocare.it, il nuovo portale dell’evento dedicato al mondo del gioco, dell’infanzia e dell’adolescenza.
Disponibile e sempre aggiornata anche la pagina Facebook (http://www.facebook.com/GcomeGiocare)

:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #25 il: Novembre 09, 2012, 23:12:54 pm »

San Martino: tutti con la lanterna

Da Nord a Sud si celebra la festa passeggiando con i lumini o liberandoli in cielo all’imbrunire


Martino, futuro santo, uscendo dalla città di Amiens in un giorno d’autunno incontrò un mendicante infreddolito. Mosso da compassione, tagliò in due il suo mantello di lana e ne donò metà al povero. Il sole, così vuole la tradizione, ritornò a scaldare la terra come in estate. È questa l’origine dell’estate di San Martino, quei «tre giorni e un pocolino» del proverbio, e della tradizione nordica collegata, quella di festeggiare l’11 novembre, il giorno che il calendario cristiano dedica a San Martino, con la luce delle lanterne. Ogni anno ne nascono piccoli eventi preziosi per la loro magica bellezza, apprezzati dai grandi e particolarmente affascinanti e coinvolgenti per i bambini.

 

A Milano, domenica si svolge la Passeggiata con le lanterne di San Martino organizzata dall’associazione de.de.p (design democratico e partecipato), legata alla leggenda del generoso cavaliere. Si parte alle 16.45 da via Livigno 6/b, si prosegue all’interno del Parco Bassi con una rappresentazione teatrale (con lanterne magiche) per tornare verso via Livigno, piazza Dergano e via Conte Verde dove verrà offerta una merenda ai bambini. «La Passeggiata di San Martino - spiegano gli organizzatori - è proposta alle famiglie per creare un’occasione di condivisione e coesione sociale, la conoscenza delle tradizioni europee legate alla stagionalità e la scoperta del quartiere». A questo scopo, l’associazione ha inventato una mappa ludica «Il Gi.oca de.de.p» , un gioco dell’oca che fa conoscere, casella dopo casella, le caratteristiche e i segreti del quartiere Dergano. «La lanterna è simbolo di tutto ciò che cerca chiarezza, che cerca di comprendere quanto c’è nell’oscurità. Dove poggiare i nostri passi, senza trovare ostacoli. O, semplicemente, dare un segnale, indicare una presenza». 

 

A pochi chilometri da Torino, il Comune di Montalto Dora, promuove sabato, nel centro storico (dalle 18) la grande Notte delle Lanterne intitolata «I villaggi nel villaggio». Momento clou, il lancio di centinaia di lanterne nel cielo: grandi e piccoli saranno a naso in su affascinati dalle piccole luci galleggianti nel cielo scuro. Diciotto Comuni tra il Piemonte e la Valle d’Aosta, nell’area centrale dei giardini pubblici, ricostruiranno scene di vita rurale del ‘900 in un percorso tematico fra montagna e pianura. Con centinaia di figuranti, animali, attrezzi e macchinari d’epoca, si ricostruirà un grande presepe vivente, nel solco di una memoria storica condivisa, al suono della musica popolare del «quintetto». La Fanfara Alpina sfilerà per le vie del paese inaugurando ufficialmente «La notte delle Lanterne». Dalle 21,30, poi, centinaia di lanterne volanti saliranno nel cielo di Montalto. «Chiunque lo desideri - dicono i promotori - potrà contribuire a creare la magica atmosfera, liberando in cielo la sua lanterna nel luogo dal lui prescelto, all’interno della Sagra. Le lanterne saranno in vendita presso l’Ufficio Turistico nella giornata di sabato». Naturalmente... al momento del lancio è d’obbligo esprimere un desiderio».

 

A Torino, al Parco delle Vallere, domenica 11 novembre dalle 15, il programma è di tre ore: «I pomeriggi nel Parco: a spasso con le lanterne». Qui si ricorda un altro aspetto della tradizione dell’estate di San Martino. «La festa del Santo - ricordano gli organizzatori - chiude la stagione del contadino: quale modo migliore di festeggiarla se non quello di giocare insieme come si faceva nell’aia? E dopo aver conosciuto le gesta di Martino, che offrendo una parte del suo mantello ad un mendicante fece aprire le nuvole e permise al sole di scaldare, come in estate, costruiremo delle lanterne che accenderemo al tramonto nel parco, così che la loro luce ci possa accompagnare nell’inverno per ricordarci il calore del sole in attesa di un’altra primavera».L’appuntamento è dedicato a famiglie e bambini di tutte le età. Il costo è di 5 euro a persona, gratuito per i minori di 3 anni e gli over 65. Prenotazioni ed informazioni: Ufficio servizio di educazione ambientale, tel. 01164880173, promozione.parcopotorinese@inrete.it

 

Da Nord a Sud. A Palermo, sabato 10 alle 16,30, si tiene un laboratorio per bambini nel quale si costruiscono lanterne. Una volta pronte, prenderà il via una piccola passeggiata nel Giardino delle Meraviglie con tutte le lanterne accese. E persino San Martino parteciperà e verrà a trovare i bambini a cavallo! L’appuntamento è al Giardino delle Meraviglie C.I.S. Club Ippico Siciliano, Viale del Fante, 64/A, Palermo, accanto al teatro delle Verdure. È previsto un contributo di partecipazione di 3 euro per i tesserati, 5 per gli esterni. Per info e prenotazioni: 380 2449009 e 328 4950728 e www.palermobimbi.it

Un po’ ovunque, dalle grandi città ai paesi più piccoli, la tradizione delle lanterne si rinnova: a Sarre (Aosta) come a Segrate, a Paderno Dugnano, a Casalecchio di Reno. Feste e attività con momenti di laboratorio e fai-da-te nelle scuole e nelle case si moltiplicano. Ognuno, nel proprio territorio, può trovare on line l’appuntamento più vicino e più coinvolgente.

:ciao:
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #26 il: Gennaio 16, 2013, 19:10:56 pm »

Capogrossi racconta la gioia di dipingere

A Venezia una sontuosa retrospettiva ne ripercorre la carriera dagli esordi figurativi all’ultimo astrattismo




Venezia


Parola di poeta, e particolarmente amico della pittura, come Raffaele Carrieri: «I viaggi per Capogrossi somigliano ai suoi sonni/ Dei sogni complicati, in luoghi lontani e felici». Sogni o segni? (c’è così poco di freudiano, in lui, di surreale, di onirico. Tutto è chiaro, luminoso, pulsante, anche se non facile, «scoperto», nelle iterate passacaglie ritmico-visive della sua pittura vibrante. Come le forme filmico-astratte di Eggeling. Al punto che forse avrebbe più senso instaurare un legame con gli archetipi collettivi di Jung: pre-scrittura primordiale, lo suggerì, in difesa, l’amico influente Corrado Cagli). Quando, nel transito del mezzo secolo, 1950, Capogrossi parve «tradire», immantinente, choccantemente, la sua succosa matrice figurativa, incantatrice. 

Lo chiarì Palma Bucarelli, sua coraggiosa sostenitrice (e non erano in molti, in quel frangente traumatico): «Capogrossi non ha mai curato la dimostrazione, ma l’evidenza». Evidenza lucida, chiara, illuminata: abbracciante. E «felicità» (gaia scienza) elaborata, come lui stesso dovette confessare. Talvolta anche sofferta, eticamente: «L’arte per me è gioia, deve essere gioia, magari faticosa. Deve essere anche pazienza, ma soprattutto non deve essere falsità. Deve essere verità. Io credo di aver trovato la mia» .Trovata e sontuosamente. È sufficiente entrare, con somma gioia degli occhi nella rapinante, magnifica mostra allestitagli alla Guggenheim da Luca Massimo Barbero per capire di quale Grandissimo, senza esitazioni, si tratti. Senza più soffrire, oggi, quel salto traumatico e radicale tra figuratività ed astrattismo (vale ancora questa dicotomia?) che gli alienò pure, momentaneamente, non poche amicizie fidate, come quella con il letterato Comisso (così, tanto per recuperare il clima bellicoso). 

E dire ch’era stato proprio Comisso a pilotarlo nelle prime scorribande francesi, tra rischiose debosce depisisiane e sapidi aggiornamenti europei (Derain, il Picasso rosa ed il Doganiere, che irritava Melli). Un esile riverbero pare esalare ancora da quelle distillate scene puberali e cameratesche, di omofilia mentale, degli acerbi nudini, che si spogliano poco innocenti, nei galleggianti Bagni Tofini, sul Tevere. Come in un verso di Penna: aura disfatta di sudori poco littori, che coinvolgerà pure i compagni, d’ardimenti e di strada, Janni, Ziveri, Cavalli. Perché quello è il Capogrossi degli esordi, nutrito di Valori plastici e di realismo magico alla Donghi allievo di Carena, che smette di umettare fertile il pennello in umidori alla Spadini. Si guardi quel Giocatore di ping-pong del ’31, che pare provenire da un’archeologia Fayyum, immobilizzato in un gesto ieratico-sacrale, la paletta come ostensorio di sortilegio, ingessata in spatolate allarmanti, alla Fausto Pirandello. 

Orfano precoce, Capogrossi viene adottato da uno zio prete, il Tacchi Venturi, gesuita, tramite influente tra Mussolini e Pio XI. Lo mette a bottega degli arazzieri sacri, e forse quell’imprinting rimane. Anche se è stolta l’accusa dei Nuclearisti, che parlano di «rotoli di tappezzeria». Argan, che gli è accanto dal Premio Bergamo del ’39, parla semmai di «ornato». Ed è il primo a intuire i legami con lo strutturalismo di Levy-Strauss. La matrice è semmai architettonica, come dimostra l’amicizia con Luigi Moretti, Rogers ed il Peressutti di BBPR.

«Poi non ho cercato che di esprimere direttamente il senso di spazio, che era dentro di me». Vuoto-pieno, che non ha esigenze d’oggetti, d’appoggi realistici, di referenze. È la conversione al suo particolarissimo astrattismo (primordiale, che è anche quello di «Origine», con Ballocco) che agita le geometrie, le alita, in un «ritmo che non chiude definitivamente la pittura» (Ballo): «Quasi un respiro fisiologico del dipingere stesso, anzi della vita nella pittura» (Pola). Per Ungaretti: «Quelle serrature cabalistiche non cambiano mai, aperte solo a chi sapendosene servire sappia aprire le porte dalle quali si entra nel segreto dell’universo». 

 

CAPOGROSSI. UNA RETROSPETTIVA 

VENEZIA, COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM 

FINO AL 10 FEBBRAIO 
                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #27 il: Gennaio 16, 2013, 19:14:20 pm »

6Artista, l’arte che forma l’arte

Quarta edizione del concorso rivolto ai giovani artisti, che mette in palio un programma di studi e attività a Roma e a Parigi



roma

L’arte come strumento per una convivenza civile e democratica. E’ questa l’idea alla base del concorso “6ARTISTA”, programma di residenze avviato nel 2009, ideato con l’obiettivo di offrire un’esperienza lavorativa e formativa qualificata ai giovani artisti italiani.

 

L’edizione 2012, la quarta, offre ai due vincitori un periodo di formazione di nove mesi caratterizzato da un’intensa attività di produzione, affiancato da lectures, studio visit, con galleristi, curatori e collezionisti.

 

La prima parte della residenza si svolge a Roma, all’interno del Pastificio Cerere, un ex edificio industriale, diventato fondazione nel 2004, sede del celebre «Gruppo di San Lorenzo», che ospita studi d’artista, scuole di fotografia e un intenso programma di mostre, attività culturali, iniziative rivolte alla città e agli studenti che popolano il quartiere di San Lorenzo, confinante con la Sapienza, la più grande università europea. 

 

Il programma prosegue per tre mesi a Parigi, presso la Cité Internationale des Arts - istituto no profit per l’internazionalizzazione delle arti che vede la presenza di oltre 300 studi d’artista - con un atélier messo a disposizione dagli Incontri Internazionali d’Arte. 

 

Il concorso è rivolto a tutti i giovani artisti italiani o stranieri residenti in Italia, di età compresa tra i 21 e i 30 anni. Il materiale richiesto per la candidatura al bando di concorso, che si trova sul sito web www.6artista.it , dovrà essere consegnato entro il 4 febbraio 2013.

                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #28 il: Gennaio 16, 2013, 19:18:43 pm »


“L’Inferno” di Rodin in mostra a Roma

 
Dal 29 gennaio al 4 marzo all’Accademia di Spagna


Roma

La Reale Accademia di Spagna a Roma (Piazza San Pietro in Montorio, 3) inaugura il 29 gennaio nelle proprie sale la mostra dello scultore francese Auguste Rodin. L’inferno di Dante, che resterà allestita fino al 4 marzo. 

L’esposizione presenta l’importante opera grafica, quasi sconosciuta, dello scultore Auguste Rodin (1840- 1917), che fu stampata nel 1897 dalla Maison Goupil, pioniere delle nuove tecniche di riproduzione dell’ immagine e della diffusione delle opere artistiche. La mostra permetterà di ammirare lo straordinario potenziale grafico dell’opera di Rodin, e l’inizio delle nuove forme di democratizzare l’arte attraverso la moltiplicazione e commercializzazione intrapresa dalla Goupil and Cia con un ampio e diversificato programma editoriale. Questo «monumento alla bibliofilia» fu anche denominato l’album Fenaille, in quanto ottenne il patrocinio di Maurice Fenaille, membro dell’Academie des beaux-arts di Francia, nonché grande collezionista e mecenate. Grazie a lui, possiamo osservare i disegni che erano andati perduti di Rodin, perche furono realizzati come stampe grazie alla nuova tecnica della fotoincisione. 

Nella mostra saranno esposte le prove «bon a tirer», alcune con le annotazioni originali dello stesso Rodin, poiché il procedimento dell’intera edizione fu seguita molto da vicino dall’ artista. Questi «Disegni Neri» di Rodin, sono ispirati all’Inferno di Dante Alighieri, e furono realizzati mentre lavorava nella sua famosa e non conclusa opera «Le Porte dell’inferno» (1880-1917), e benché non si tratti degli studi diretti per questo grande complesso di sculture, ne hanno la stessa ispirazione. 

Le 129 stampe vengono suddivise in tre gruppi: 82 appartengono all’inferno, 31 al limbo, e le altre 16 sono studi che seppur non riguardano l’opera di Dante, condividono lo stesso argomento d’ispirazione biblica ed evocazione delle opere di Michelangelo. Le dissacranti tecniche grafiche di Rodin evocano le opere di Goya, di Rembrandt, ma anche i disegni di Victor Hugo, molto conosciuti dallo scultore, poiché il suo rappresentante George Petit organizzò nel 1888 una mostra a Parigi sugli enigmatici disegni dello scrittore, dove lo schizzo d’inchiostro diventa protagonista.

La Casa Goupil, fu fondata nel 1850 a Parigi da Adolphe Goupil (1806-1893) e riuscì ad avere uffici a Londra, Bruxelles, The Hage, Berlino, Vienna, New York e persino in Australia. Questa mostra è stata ceduta dal Museo d’Aquitaine a Bordaux, sotto la cui tutela si trova la Collezione Goupil provvista d’una straordinaria ricchezza grafica. 

Tutte le informazioni http://www.raer.it/folders/actividades/actividad.php?lan=it&id=159


                                  
 

Offline ninfea

Re:Fiere - Sagre - Mostre - Eventi
« Risposta #29 il: Gennaio 16, 2013, 19:23:09 pm »


Renzo Bergamo al Castello Sforzesco
   
La mostra «Atomo Luce Energia» a Milano dal 16 gennaio al 17 marzo



Milano

Anche la cantante Mina ha offerto un suo contributo al catalogo della mostra Atomo Luce Energia, dedicata alla memoria di Renzo Bergamo (1934-2004), che con 55 opere pittoriche dell’artista aprirà al pubblico mercoledì prossimo fino al 17 marzo, al Castello Sforzesco di Milano. 

 

Il testo di Mina si intitola «Una vertigine», come quella che si prova di fronte al segno, all’energia e alla forte tensione che caratterizzano i lavori dell’artista. Per far penetrare il visitatore nel suo pensiero, l’allestimento dell’architetto Enrico Pinna individua nella figura geometrica del cerchio, come allusione alla ricerca matematica e filosofica della sua quadratura, l’elemento portante dell’organizzazione spaziale. 

 

Il percorso espositivo prende l’avvio con le opere del periodo dei Concetti Cosmici, che coincide con il suo arrivo a Milano negli anni ’60, una fase in cui rafforza la convinzione che sia necessario un costante dialogo tra Arte e Scienza. Segue l’imponente studio sull’energia e sulla materia che occuparono l’artista per tutti gli anni ’70, periodo chiamato Astrarte. Negli anni ’80 Bergamo prosegue le sue sperimentazioni, dà sfogo a ricerche di colore, crea una geometria di sogno, in un periodo di transizione poi definito Immagine e somiglianza. Nel 1985 si trasferisce in Sardegna e inizia una fase fondamentale del suo percorso pittorico, chiamato Estetica del Caos. 

 

L’ultimo capitolo della vita di Bergamo vede l’artista iniziare una sperimentazione sul linguaggio primordiale del segno grafico, che lo porta a tracciare una complessa grammatica dell’Universo, creando un alfabeto segnico, frutto delle sue riflessioni su nodi e stringhe cosmiche. Interessatosi al fenomeno della radioattività, inizia una serie di opere più «materiche» che chiama Archeologia Cosmica.

 

La mostra è corredata da interviste, video e una biografia per immagini, con la possibilità di interagire con i scritti e rapporti epistolari dell’artista. 

Tutte le informazioni  http://www.mostrarenzobergamo.it/home_3/

                                  
 


Cliccate il BANNER sopra, sarete di grande Aiuto. GRAZIE !